martedì 26 settembre, 2017

SALUTE e BENESSERE – Elisa Sergi – Papilloma Virus

Cari Amici,
oggi parleremo di Papilloma virus. L’infezione da Hpv è molto frequente nella popolazione e si trasmette prevalentemente per via sessuale. La stragrande maggioranza delle infezioni è transitoria e asintomatica. Tuttavia, se l’infezione persiste, può manifestarsi con una varietà di lesioni della pelle e delle mucose, a seconda del tipo di Hpv coinvolto. Alcuni tipi di Hpv sono definiti ad alto rischio oncogeno, poiché associati all’insorgenza di neoplasie. Il tumore più comunemente associato all’Hpv è il carcinoma del collo dell’utero, che è il primo cancro a essere riconosciuto dall’Organizzazione mondiale della sanità, totalmente riconducibile a un’infezione. Ad oggi sono stati identificati oltre cento tipi di Hpv che infettano l’uomo e, tra questi, circa 40 sono risultati associati a patologie del tratto ano-genitale. I diversi tipi di Hpv vengono distinti in base ad alto e basso rischio di trasformazione neoplastica. L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha confermato l’evidenza oncogena per 12 tipi di Hpv. Alcuni tipi hanno una tendenza a progredire in cervicocarcinoma maggiore di altri. Questo virus si trasmette per via sessuale, attraverso il contatto con cute o mucose. I microtraumi che avvengono durante i rapporti sessuali potrebbero favorire la trasmissione, pertanto l’uso del preservativo, sebbene riduca il rischio di infezione, non lo elimina totalmente dal momento che il virus può infettare anche la cute non protetta dal profilattico. Numerosi studi concordano nel ritenere la giovane età, il numero dei partner sessuali e la giovane età al momento del primo rapporto sessuale, i fattori di rischio più rilevanti per l’acquisizione dell’infezione da Hpv.
Questa infezione è molto frequente nella popolazione: si stima infatti che fino all’80% delle donne sessualmente attive si infetti nel corso della vita con un virus Hpv, con un picco di prevalenza nelle giovani donne fino a 25 anni di età. La storia naturale dell’infezione è fortemente condizionata dall’equilibrio che si instaura fra ospite e virus. Esistono, infatti, tre possibilità di evoluzione dell’infezione da Hpv: regressione, persistenza e progressione.
La maggior parte delle infezioni da Hpv è transitoria, perché il virus viene eliminato dal sistema immunitario prima di sviluppare un effetto patogeno. Il 60-90% delle infezioni da Hpv, incluse quelle da tipi oncogeni, si risolve spontaneamente entro 1-2 anni dal contagio. La persistenza dell’infezione virale è invece la condizione necessaria per l’evoluzione verso il carcinoma. In questo caso, si possono sviluppare lesioni precancerose che possono progredire fino al cancro della cervice. In caso di infezione persistente, il tempo che intercorre tra l’infezione e l’insorgenza delle lesioni precancerose è di circa 5 anni, mentre la latenza per l’insorgenza del carcinoma cervicale può essere di decenni.
Il fumo di sigaretta, l’uso di contraccettivi orali, l’elevato numero di parti, la presenza di altre malattie sessualmente trasmesse sono cofattori nella carcinogenesi cervicale, favorendo la progressione da infezione a lesioni preneoplastiche.
Complessivamente l’elevata prevalenza e la breve durata della maggior parte delle infezioni indicano che l’infezione da Hpv è un evento comune, di cui il cervicocarcinoma rappresenta un esito raro. Tuttavia, esso rappresenta il quarto tumore più frequente nel sesso femminile.
Fondamentale in questo caso attuare la prevenzione, sottoporsi a Pap Tst, HPV Test, e per i più piccoli anche al vaccino introdotto da pochi anni.

Buona visione

Elisa Sergi

https://www.facebook.com/ELISA-SERGI-psicologa-giornalista-pubblicista-51708698368/
https://elisasergi.wordpress.com
http://www.epicentro.iss.it/problemi/hpv/hpv.asp

Guarda anche

Elisa Sergi – Salute & Benessere – Staminali nelle lombalgie

Amci miei , nella puntata di oggi tratteremo la terapia della cosiddetta lombalgia, più comunemente …