sabato 18 novembre, 2017

Scarlino (Gr) – Omicidio nell’orto, poi si costituisce

Lo ha invitato nel suo orto, a Scarlino (Grosseto), per chiarire una vecchia faccenda legata a un credito mai riscosso. Ma poi gli ha sparato tre colpi di fucile, due al petto e uno in testa, uccidendolo all’istante. Poi si è consegnato ai carabinieri.

L’uomo rimasto ucciso, colpito al petto e alla testa dalle tre fucilate, si chiamava Alessandro Toffoli, 58 anni di Follonica, impiegato nell’Enel. Pare che all’origine dell’omicidio ci siano problemi legati ad affari immobiliari. L’uomo che ha confessato l’omicidio per un vecchio credito mai saldato si chiama Antonio Esposito, un muratore di 70 anni, originario di Napoli ma residente a Scarlino. Il presunto omicida si trova adesso nella caserma dei carabinieri di Follonica.

Guarda anche

Sulla rotta della droga tra Italia e Olanda

Maxi operazione congiunta fra la polizia italiana e quella olandese che ha sgominato un’organizzazione di …